La risposta è semplice: sì.

 

Un preventivo firmato elettronicamente è valido come se fosse stato firmato per iscritto. Non appena il destinatario firma elettronicamente il preventivo inviato tramite Teamleader, viene stabilito un accordo legalmente valido.


La funzionalità in Teamleader, che rende possibile la firma digitale dei preventivi, è pienamente in linea con il regolamento europeo eIDAS. Ad esempio, abbiamo adottato tutte le misure ragionevoli per poter stabilire l'identità del firmatario e per evitare che il documento inviato venga successivamente modificato.


Per rendere più evidente la validità legale di un preventivo firmato, memorizziamo anche il timestamp (mostrato nell'ora media di Greenwich (GMT)) della firma e l'indirizzo IP del firmatario. Entrambi saranno visualizzati sul tuo preventivo. Poiché queste informazioni fanno parte della firma del cliente, dovrai assicurarti che la firma sia aggiunta al modello del tuo preventivo. Clicca qui per maggiori informazioni.




Alcuni consigli:


  • Per la maggior parte dei contratti commerciali, una semplice firma elettronica offre sufficienti garanzie. Per alcuni contratti pesanti è consigliabile optare per una firma autografa o per una firma avanzata o qualificata.
  • Non dare l'impressione che i mezzi elettronici siano l'unica opzione per la conclusione di un contratto, in particolare quando il destinatario è un consumatore e non un professionista. Se il cliente si sente più a suo agio a firmare il preventivo per iscritto, si prega di accettarlo.
  • Indicate nelle vostre condizioni generali di contratto o nel vostro preventivo che entrambe le parti accettano la firma elettronica del preventivo e che tale firma crea un accordo valido.
  • L'altra parte è una persona giuridica (società, associazione senza scopo di lucro, ecc.)? Verificate sempre che la persona che firma l'offerta (elettronicamente) abbia anche l'autorità di rappresentare tale persona giuridica (ad es. il manager). Non tutti sono autorizzati a concludere contratti in questo modo.
  • Confermare sempre gli accordi con il cliente via email. In caso di controversia sul contratto, potete inviare questa corrispondenza insieme all'offerta firmata per chiarire eventuali ambiguità.
  • Controllate sempre come l'altra parte ha firmato il preventivo. A volte capita che il destinatario ponga una croce o scriva il suo nome nella casella dove deve essere apposta la firma. In questi casi, chiedete al destinatario di aggiungere la sua firma al preventivo. Una firma ha un valore probatorio maggiore, poiché è più difficile da imitare.
  • Maggiori informazioni sulla firma digitale? Date un'occhiata qui.